Mental coach e CrossFit – serata tematica

Tenacia e sudore!
Come un Crossfitter può trovare il giusto ritmo e la perseveranza per finire un WOD.

26 Maggio 2016 dalle 20.30 alle 22.00

games

Chiudete gli occhi per un attimo ed immaginatevi di essere ai Games… Il vostro coach vi urla contro a squarcia gola: “Saying to yourself I can do it, I will do it! You’ve just to keep on and on!” – “Dì a te stesso, lo posso fare, lo farò. Devi solo andare avanti e avanti ancora!”

Di certo non vi aspettate che il vostro mentore vi dica: “Dai prova, vediamo che combini! Non ti illudere però tanto davanti a te c’è Rich Froning”.

Sicuramente sapete bene che ad una gara c’è la possibilità di incontrare un atleta più forte ed allenato, ma non vi piace che qualcuno non creda in voi o nelle vostre capacità.

Diciamoci la verità però, se siete i primi a non avere fiducia in voi stessi…cosa pretendete da un’altra persona?

Ora il dolore che si prova quando si aprono le ferite sulle mani a causa dei pull up o quelle sulle tibie a causa degli snatch o di un box jump fatto male, lo conosciamo tutti, però torniamo al box, ci alleniamo ancora, ancora e ancora.

Quindi è una questione fisica?

Cioè tanto più mi faccio male, tanto più mi sforzo, tanto più mi alleno, tanto più diventerò un vero crossfitter?

Questa è l’immagine patinata che ci regala il web, ma sapreste riconoscere un atleta da uno zanza-rep?

I risultati svelano l’arcano e fanno la differenza!

La resistenza e la prestanza fisica fanno parte del gioco, però non dobbiamo dimenticare la concentrazione, la positività e la visualizzazione del traguardo, aspetti fondamentali per tutti gli atleti che vogliono iniziare, continuare e raggiungere un certo livello in questo sport.

L’autosuggestione, l’autoefficienza e l’autostima sono un trittico che deve accompagnare sempre i WOD e le competizioni, perché senza di essi siete solo delle persone in forma con delle belle tutine colorate!

Se provate a cercare la vostra energia mentale, capirete che può supportare il vostro fisico e che questi ne beneficerà, portando i vostri obiettivi a lungo termine sempre più vicini, sempre più raggiungibili.

“No Pain, No Gain”, nessuno però ha mai scritto “No Brain”, come dire: “senza cervello non c’è partita!”

__________________________

Grazie a questo corso potrai scoprire come:

* sfruttare al meglio il tuo potenziale mentale prima, durante e dopo l’allenamento
* modificare l’approccio all’attività fisica e vederla dal punto di vista di un campione
* imparare ad affrontare i giorni “ko” grazie al rilassamento, all’autosuggestione e all’essere positivi

__________________________

Remo Bernardi
 
 
Il coach è Remo Bernardi, da 15 anni esercita la libera professione di formatore e coach. (Ai sensi della Legge 4/2013).
In ambito sportivo è il Mental Coach di atleti campioni del mondo di varie discipline tra cui l’Ironman, per lo sviluppo di motivazione, concentrazione e resilienza.
 
 
 

Prenota!

Il seminario è gratuito per i soci e 10€ per gli esterni.